Diario

La Sicilia si rialzò, si rivestì di luce e profumò di Barocco

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Dopo la distruzione del terremoto del 1693, il Val di Noto si aggrappò con tutte le sue forze residue all’ultimo raggio di sole e si rialzò. Si vestì di luce e le pietre dorate profumarono di Barocco.
La luce è certamente ciò che colpisce!
Colpisce, ferisce, invita l’occhio a socchiudersi come voler obbligare a guardare parti della realtà, discretamente, per poi, poco alla volta, ricostruire un insieme. LA LUCE E’ L’ESSENZA DEL BAROCCO.: le sue forme plastiche, le invenzioni architettoniche, le sinuose e immaginifiche decorazioni; l’essere così sovrabbondante e magniloquente da apparire, quasi essenziale, misurato.
Il Barocco è un elemento naturale di questa terra al pari dei fichi d’india e dei carrubi; il barocco, qui, non ha bisogno di patine d’oro ed argento come quello romano o quello francese per riverberare di magnificenza; la luce, al pari delle pietre, basta a definire una sintesi mirabile e perfetta tra terra, cielo ed architettura. Così come fioriscono nei giardini gli alberi, le siepi, le essenze aromatiche, così le armonie di pietra si dischiudono e sbocciano nel cielo delle città come Ibla, Modica, Scicli, Noto.

Di Giuseppe Nuccio Iacono